Conservazione
250 campanili & rondoni!
Fotografa il campanile della tua città e inviaci la foto!

P1014183.JPG

Nel corso della primavera 2022 Ficedula lancia un progetto di citizen science, ricerca effettuata con la collaborazione dei cittadini, che ruota attorno ai campanili e ai monumenti storici del Ticino.

 

Nella foto è rappresentato il campanile della Chiesa di Santa Maria in Borgo a Mendrisio, uno dei diversi monumenti di cui Ficedula si è occupata in collaborazione con l'Ufficio dei beni culturali e con l'Ufficio della natura e del paesaggio, Dipartimento del Territorio. Spesso questi monumenti sono oggetti di rilevanza cantonale per la biodiversità poiché ospitano colonie di uccelli rari e di chirotteri.

 

Ficedula si occupa anche di Paesaggi sonori e i rondoni sono uno degli elementi caratterizzanti l'estate nelle nostre località.

 

Partecipa anche tu, è facilissimo!

Inviaci una fotografia del campanile, dei campanili della tua città, comune, o frazione! Invia le fotografie a segreteria.ficedula@gmail.com o mediante whatsapp al numero 0041 79 207 14 07.

 

Grazie per la collaborazione!

 

Seguiranno altre informazioni!

 


Rondone maggiore Apus melba 
 

Il Rondone maggiore nidifica in Ticino principalmente su roccia, in colonie che raramente superano le 10 coppie. L'habitat è costituito da pareti rocciose ricche di cavità dove viene posizionato il nido. La popolazione nidificante su roccia appare stabile e non sembrano esserci particolari problemi per la sua conservazione. Tuttavia localmente la presenza di arrampicatori potrebbe essere di disturbo alle colonie.

Una parte importante della popolazione nidifica inoltre negli edifici, nei cassonetti delle tapparelle, in particolare negli abitati di Lugano, Bellinzona, Chiasso e Mendrisio. Nel 2010 la sola città di Chiasso ne ospitava quasi 300 coppie, primato per la Svizzera. Attualmente la specie è in diminuzione. La ristrutturazione dei luoghi di nidificazione negli edifici e l’intolleranza di proprietari e inquilini potrebbe comprometterne la presenza.

 

 

Rondone pallido Apus pallidus

 

Il Rondone pallido è una specie a distribuzione mediterranea. In Ticino al momento è nidificante esclusivamente a Locarno nella Chiesa di S. Antonio. Questa colonia, insieme a quella italiana di Domodossola, è la più settentrionale d'Europa. Le coppie nidificanti presenti sono, a seconda degli anni, da 11 a 36, massimo raggiunto nel 2013. Si tratta dell'unica popolazione attualmente nota per la Svizzera. La presenza della specie, scoperta nel 1987, è stata in pericolo più volte a causa dei lavori di ristrutturazione della Chiesa. Nel 1988 un intervento dell'UNP in collaborazione con Ficedula ne ha permesso la salvaguardia, anche se la colonia non è ancora protetta in maniera ufficiale. Negli ultimi anni alcuni individui di Cornacchia grigia hanno imparato a predare i rondoni pallidi, sia adulti che pulcini, costituendo un problema per la conservazione della specie.

   Rondone pallido

   Chiesa di S. Antonio, Locarno

Rondone comune Apus apus

 

La distribuzione del Rondone comune è strettamente connessa con quella antropica che gli ha fornito gli edifici in cui nidificare. La popolazione svizzera non ha subito notevoli cambiamenti. In Ticino la specie è attualmente ben distribuita ed è presente in tutti i principali centri abitati, spingendosi sino a Bedretto. La perdita dei siti di nidificazione, ai quali il Rondone comune è molto fedele, a causa di sfavorevoli ristrutturazioni degli edifici, è al momento la maggiore minaccia per la specie.

   Rondone comune

Cosa fare per aiutare un rondone trovato a terra?

Scarica il foglio informativo "Cosa fare con un rondone?" in formato elettronico (PDF).

Leggi l'articolo sul Rondone maggiore apparso su LaRegione Ticino il 25 aprile 2017 (scaricalo in formato PDF).

Ficedula, insieme a diversi enti ed associazioni, ha contribuito a finanziare il Sentiero dei rondoni a Locarno, unico sentiero di questo genere in Europa. Potete trovare maggiori informazioni qui.

 

Guarda il video dedicato al Sentiero dei rondoni