Conservazione

Re di quaglie Crex crex

 

Il Re di quaglie: una vita nel cuore delle praterie

Articolo apparso sull'Agricoltore Ticinese (9 giugno 2017)

Il Re di quaglie (Crex crex) è un uccello della famiglia dei Rallidi che misura circa 27 cm, poco più di un Merlo. Vive nei prati a sfalcio estensivi, nei pascoli d'altitudine, nelle praterie umide e a volte nei campi di cereali.

Il suo nome in italiano proviene dal fatto che, durante la migrazione, lo si trova spesso in compagnia della Quaglia (Coturnix coturnix). Dal momento però che il Re di quaglie è leggermente più grande di una Quaglia e che è sovente presente in piccolo numero all'interno di un grande gruppo di quaglie, si pensava che fosse il loro capo, e quindi il “re delle quaglie”.

In Svizzera, il Re di quaglie è una delle specie più minacciate. È infatti in pericolo imminente d'estinzione: solo una ventina di maschi cantori sono segnalati in media ogni anno.

La specie era ancora ben distribuita fino alla metà del 19esimo secolo. In Ticino, molti re di quaglie nidificavano sul Piano di Magadino verso il 1900. Come sull'Altipiano svizzero, la specie è in seguito diminuita rapidamente. Dopo gli anni '70, più nessuna nidificazione è stata accertata nel nostro Cantone.

La Svizzera ha una responsabilità per la protezione del Re di quaglie, perché dispone degli habitat favorevoli in montagna per la seconda parte della stagione di nidificazione quando le regioni di pianura d'Europa sono già tutte sfalciate. Questo permette al Re di quaglie di fare una seconda covata e di trovare rifugio per la muta che avviene in agosto-settembre.

 

Un uccello delle praterie estensive

Il Re di quaglie vive molto discretamente nel cuore delle praterie. Non lo si vede quasi mai. Quando non è in migrazione verso i suoi quartieri di svernamento africani, non si invola praticamente mai e si sposta soprattutto camminando, ben nascosto tra la vegetazione.

Il Re di quaglie ha bisogno di:

- praterie diversificate sfalciate tardivamente e ricche di alimentazione (insetti, lumache, lombrichi);

- una copertura erbacea sufficiente: a partire dai 30 cm di altezza della vegetazione, questa offre una copertura sufficiente per mettere il Re di quaglie al riparo dei rapaci e degli altri predatori;

- una vegetazione non troppo densa al suolo, affinché possa spostarsi facilmente a piedi;

- ripari (terreni incolti cespugliosi, fasce di rifugio, ecc.) all'inizio della stagione di nidificazione, quando la vegetazione non è ancora sufficientemente alta, e alla fine dell'estate per poter effettuare la muta quando tutte le praterie nei dintorni sono sfalciate;

- uno sfalcio molto tardivo per permettere di portare a buon fine la sua nidificazione che dura circa due mesi.

 

Come riconoscerlo

È molto difficile scorgere un Re di quaglie. Tuttavia ci si può accorgere della sua presenza la notte quando canta. Il suo canto è difatti molto caratteristico: si tratta di una sorta di gracchiare sonoro bisillabico "crrr crrr" (che è all'origine del nome latino Crex crex), che si può ascoltare fino a 1 km di distanza e ripetuto instancabilmente allo stesso ritmo senza interruzione tra le 23 di sera e le 5 di mattina. Il maschio canta per difendere il suo territorio e attirare una femmina. Quest'ultima è in principio silenziosa e non emette che delle flebili grida di contatto per attirare il maschio o per chiamare i pulcini.

Canto - Re di quaglie
00:00 / 00:00

 

Nidificazione

Alle basse altitudini il Re di quaglie arriva a inizio maggio. In questi luoghi, due nidificazioni sono possibili. Più in alto, l’arrivo dei nidificanti è ritardato fino verso metà giugno, essendo la copertura vegetale ancora insufficiente in maggio. Una sola nidificazione è allora possibile. Si tratta solitamente della seconda nidiata dei re di quaglie che hanno già nidificato a altitudini più basse o di individui che hanno dovuto lasciare le praterie di pianura a causa dello sfalcio. Il nido è posizionato direttamente al suolo. Dopo che la femmina ha deposto le 8-12 uova, il maschio la lascia per cercare di trovare un'altra femmina per una seconda nidiata. La femmina cova e alleva i suoi giovani da sola.

 

Misure di protezione

Dal 1996, BirdLife Svizzera si occupa del programma di conservazione del Re di quaglie in Svizzera. L’obiettivo è quello di mantenere una popolazione nidificante. Affinché i re di quaglie che si installano in un prato possano condurre a termine la loro nidificazione, BirdLife stabilisce un contratto con l'agricoltore per ritardare lo sfalcio. Senza misure specifiche l'agricoltura moderna non permette praticamente più al Re di quaglie di nidificare con successo. Gli sfalci avvengono spesso troppo presto e con degli intervalli troppo corti.

 

Segnala tempestivamente il Re di quaglie

Se ascoltate un Re di quaglie, vi preghiamo di comunicarlo il più rapidamente possibile o di inserire la vostra osservazione su www.ornitho.ch. Senza una comunicazione rapida BirdLife Svizzera non può prendere le misure necessarie per permettere al Re di quaglie di nidificare.

 

Per maggiori informazioni sul programma di conservazione del Re di quaglie di BirdLife Svizzera: http://www.birdlife.ch/fr/node/1122.

 Ficedula

Ficedula è l’Associazione per lo studio e la conservazione degli uccelli della Svizzera italiana, ed è un’organizzazione nazionale di BirdLife Svizzera.
 

Vai alla pagina "Iscriversi a Ficedula" per informazioni e modulo d'iscrizione.

Donazioni

Versamento intestato a Ficedula su C.C.P. Bellinzona 65-279-5

Grazie di cuore!

Seguici su Facebook
 
Rimani aggiornato in tempo reale su tutte le novità!
  • Facebook Social Icon
Siamo anche su Twitter!
  • Twitter Icon sociale
Rivista Ficedula
  • BaliaDalCollare_edited
Contatti

Email: segreteria.ficedula@gmail.com

Telefono: 079 207 14 07

Indirizzo: Ficedula

Via campo sportivo 11

6834 Morbio inferiore

Newsletter

​​​

© 2017 by Ficedula. Proudly created with Wix.com